Sei qui: Home » Forum » Assistenza e consulenza Legale » Assicurazione "latitante"
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Forum - Assistenza e consulenza Legale - Assicurazione "latitante"


 1848 membri
Connesso: ( nessuno )

  Oggetto n° 184
il 27/02/2015 • 22:33
da GAD
 

Gentilissimi Signori, buonasera. Cerco di essere breve. Circa due anni e mezzo fa sono rimasto coinvolto in un incidente stradale in cui non ho colpe. La mia assicurazione ha dapprima liquidato il danno materiale (con ritardo). Quindi, dopo avermi sottoposto a una visita legale presso un suo medico, ben 19 mesi dopo il sinistro, è praticamente "scomparsa nel nulla". Nonostante
i richiami del mio avvocato (professionista fidato, onesto e irreprensibile), non arrivano cenni di risposta. Stesso discorso con l'assicurazione del soggetto che ha causato il sinistro. Abbiamo sollecitato anche l'Ania, poiché personalmente avremmo volentieri evitato il tribunale, ma ci è stata assicurata disponibilità solo a parole. Nostro malgrado, quindi, ci ritroveremo a perorare la nostra causa davanti a un giudice. Per conoscenza, il medico legale a cui mi sono affidato ha "certificato" un'invalidità del 21%. Ciò che mi chiedo è: questa prassi (quella di non dare cenni di vita e ignorare le comunicazioni del mio legale) è una prassi con dei precedenti? Vorrei capirci di più, se possibile. Grazie mille per la pazienza e la disponibilità.


GAD1976

  
Risposta n ° 1
--------
il 28/02/2015 • 18:54
da avvocatocesari
 
visitatore

La inadempienza all'obbligo della offerta di legge con inerzia e malagestio può essere oggetto di un esposto all'uffcio reclami della impresa e dopo altri 40 giorni di esposto all'Ivass; ora se è in giudizio potrà richiedere al Giudice la trasmissione della sentenza all'Ivass nella conclusioni e nella prima  memoria  difensiva. Troppo spesso si lavora a fatica sul ritardo e sulla malagestio delle imprese di assicurazioni, il lavoro di avvocato è diventato alla fine un sollecitare, un telefonare, uno stare dietro alla inerzia e spesso è insopportabile ed alla fine comunque uno spreco di risorse .. ma alla inerzia deve seguire l'uso di strumenti adatti, non certo interessare l'Ania che non c'entra nulla. Avv. Gianmarco Cesari - AIFVS 
  
oggettoattivo   oggettochiuso   Importante!   Nuovo  
Rettifica messaggio   Chiudioggetto   Rimontaoggetto