Sei qui: Home » Pubblica una risposta
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Pubblica una risposta

Grazie per aver dedicato del tempo per scrivere questo messaggio.

Nota: l'indirizzo e-mail utilizzato è protetto contro lo SPAM.

Stai rispondendo a Yari chi ha scritto:

Gent.le Avv. Cesari, e


Come sempre la ringrazio per la sua celere risposta alle mie domande (si evince chiaramente che lei è una persona molto brillante), volendola aggiornare sullo stato dei "lavori", in questo senso.

Venerdì scorso ho parlato con il mio avvocato, esponendo i fatti di quel giorno, essendo anche lui una persona molto "scafata" (abbiamo già collaborato per sistemare una ingiustizia subita con un pregresso incidente), ho accennato di aver già "consultato" tramite blog annesso a questo sito, lei avvocato.

Conoscendo la disciplina in questione, mi ha detto che per quanto riguarda i danni causati a cose (Fiat Panda), non c'era nessun problema per farsi risarcire dalla compagnia assicurativa designata (Allianz S.p.a.), per questo il mio ufficio vedrà il da farsi in merito a questa vicenda.

Invece ciò che riguarda la mia persona, la strada da seguire (cioè quella che ha esposto lei avvocato), è il consulto tramite uno psicologo/psicoterapeuta, che potesse "quantificare/certificare" il trauma subito dopo l'incidente (ho chiamato oggi lo stesso e anche lui mi ha confermato che quello che io gli ho esposto come "disagio post traumatico", è da riferirsi senza dubbio allo stesso incidente, in quanto sono riportati in maniera "palese" su manuali che trattano (disciplinati), proprio questo tipo di problematica, affermando anche lui che i traumi/danni psicologici dopo un incidente, possono essere in alcuni casi più "importanti", di quelli fisici), non ho consultato il mio medico curante, comunque anche se ho fatto direttamente il passo successivo (cioè consultare direttamente lo psicologo/psicoterapeuta, non ci dovrebbero essere problemi.

Lo stesso ora si consulterà con il mio avvocato (si conoscono già da tempo), in quanto ho un appuntamento in settimana con lui (Psicologo), per definire la cosa.

Quello che invece vorrei capire meglio (ma credo che sia un passo da seguire con il mio avvocato), per quanto riguarda la denuncia/querela, dove chiedo il sequestro delle immagini riferite a quel giorno in un particolare orario del tratto autostradale di competenza all'incidente.

Io purtroppo come le ho scritto in precedenza avvocato, NON posseggo riferimenti (immagini tramite "Cam-Car"), di quel giorno, ma credo comunque che se si "attivino", le procedure che lei mi ha descritto (richiesta sequestro immagini), si possa tranquillamente riportare ai fatti di quel giorno e incriminare giustamente, quel camionista che NON si fermò.

Quello che mi chiedo da "addetto ai lavori" (installo anche io impianti di videosorveglianza), per quanto tempo la società autostrade per l'Italia S.p.a. conservi le immagini registrate, oppure se le archivino da qualche parte, per "possibili procedure cautelatorie" di rintraccio trasgressori come in questo caso.


Cordialmente,


Yari Valeri.


Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

Condizioni d'uso dei tuoi dati personali.

Inviando questo modulo, accetto che le informazioni inserite verranno utilizzate solo nell'ambito di questo sito, per permettermi di essere ricontattato. Per conoscere ed esercitare i tuoi diritti, in particolare per revocare il consenso all'uso dei tuoi dati, consulta le nostre Menzioni Legali e contatta il Webmaster del sito .

Copia il codice: