Sei qui: Home » §News siti amici » News TGCOM
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

§News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(12/06/2024 • 15:21)

(12/06/2024 • 15:20)

Concorso magistrato tributario 2024, 146 posti: requisiti e come fare domanda online 

Quando sarà il prossimo concorso in magistratura? Fino al 1° giugno 2024 è stato possibile inviare le candidature per la selezione di 400 magistrati ordinari. Adesso è stato pubblicato il bando per 146 magistrati tributari, che può essere consultato sia sulla Gazzetta Ufficiale sia sul sito ufficiale del Mef.

 

Concorso magistrato tributario 2024: requisiti e titoli di studio Per poter candidarsi al concorso bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana; possesso dei diritti civili e politici; condotta incensurabile; idoneità fisica all'impiego; posizione regolare nei confronti del servizio di leva. Inoltre, bisogna essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio: diploma di laurea in Giurisprudenza conseguito al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni; diploma di laurea in Scienze dell'economia (classe LM-56) o Scienze Economico-aziendali (classe LM-77) o di titoli degli ordinamenti previgenti a questi equiparati. Infine, bisogna essere in possesso degli altri requisiti richiesti dalle leggi vigenti. Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda. Il concorso può essere tentato al massimo per tre volte.

 

Bando magistrati tributari 2024: come presentare la domanda Le candidature devono essere inviate per via telematica sul Portale unico del reclutamento “inPA”. Per accedere è necessario autenticarsi con Spid oppure Cie, Cns eIDAS. Una volta dentro la propria area riservata, bisogna compilare il form di candidatura e inviarlo online entro e non oltre le ore 23:59 di domenica 7 luglio 2024. Per partecipare al concorso è necessario pagare una tassa di concorso di 50,00 euro. Una volta inviata la domanda di candidatura, bisogna stampare la ricevuta di avvenuta iscrizione al concorso. Quest'ultima va portata con sé e consegnata nel giorno stabilito per la prova preselettiva.

 

Bando magistrati tributari: la commissione d'esame Secondo quanto previsto nel bando, la commissione di concorso verrà nominata entro il 22 luglio 2024 con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, previa delibera del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria (C.P.G.T.). 

 

Ministero Giustizia e concorso magistratura tributaria: materie e prove d'esame Il concorso per il reclutamento di 146 magistrati tributari si svolgerà in tre fasi. Infatti, sarà articolato in una prova preselettiva, una prova scritta e una prova orale. Attenzione: dal pre-test sono esonerati i giudici tributari presenti nel ruolo unico di cui all'articolo 4, comma 39-bis, della legge 12 novembre 2011, n. 183; i magistrati ordinari, militari, amministrativi e contabili; i procuratori e gli avvocati dello Stato; i candidati diversamente abili con percentuale di invalidità pari o superiore all'80%, in base all'articolo 20, comma 2-bis, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

 

Magistrati tributari: come si svolge la prova preselettiva Ai candidati verrà sottoposto un test composto da domande a risposta multipla riguardanti le seguenti materie: diritto civile, diritto processuale civile, diritto tributario, diritto processuale tributario e diritto commerciale. Per ciascuna delle materie sono previsti 15 quesiti. Ciascun quesito consiste in una domanda seguita da 4 risposte, delle quali solo una è esatta. Per rispondere si avrà un tempo massimo di 60 minuti.
La prova preselettiva potrà avere luogo in sedi decentrate e in date a sessioni diverse, con l'ausilio di strumenti informatizzati. Con un avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4° Serie speciale del 27 settembre 2024 verrà data comunicazione riguardo alla pubblicazione dei quesiti validati dalla commissione e al diario della prova preselettiva. La mancata partecipazione a questa prova comporta l'automatica esclusione dal concorso. Durante il test, i candidati non potranno comunicare tra di loro né avvalersi di codici, raccolte normative, vocabolari, testi, appunti di qualsiasi natura, telefoni cellulari e qualsiasi strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati. La valutazione della prova preselettiva verrà effettuata attribuendo i seguenti punteggi: 1 punto per ogni risposta esatta; meno 0,33 per ogni risposta errata o multipla; 0 punti per ogni mancata risposta. Solo chi supera la prova preselettiva verrà ammesso alla prova scritta.

 

Concorso magistrati tributari e contabili: come si svolge la prova scritta Tanto per cominciare, alla prova scritta verrà ammesso un numero di candidati pari a tre volte i posti messi a concorso, cioè 438 persone. La prova consiste nello svolgimento di due elaborati individuati mediante sorteggio tra: un elaborato teorico vertente sul diritto tributario, un elaborato teorico vertente sul diritto civile o commerciale e una prova teorico-pratica consistente nella redazione di una sentenza in materia tributaria. I candidati avranno otto ore di tempo dalla dettatura della traccia per svolgere gli elaborati e potranno consultare i semplici testi dei codici, delle leggi e dei decreti dello Stato, secondo modalità che saranno determinate nel decreto ministeriale di adozione del diario delle prove scritte. Questo diario sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

 

Giustizia tributaria, come si svolge la prova orale Sono ammessi alla prova orale i candidati che ottengono un punteggio non inferiore a diciotto trentesimi (18/30) in ciascun elaborato della prova scritta. I candidati riceveranno comunicazione della loro ammissione all'orale almeno venti giorni prima della prova. Nella comunicazione troveranno l'indicazione del voto riportato in ciascun elaborato. La prova orale verte sulle seguenti materie: diritto tributario e diritto processuale tributario; diritto civile e diritto processuale civile; diritto penale tributario; diritto costituzionale e diritto amministrativo; diritto commerciale; diritto dell'Unione europea; contabilità aziendale e bilancio; elementi di informatica giuridica. Inoltre, dovranno sostenere un colloquio nella lingua straniera indicata dal candidato al momento della domanda di partecipazione al concorso e scelta fra inglese, spagnolo, francese e tedesco. Superano il concorso i candidati che ottengono un punteggio non inferiore a sei decimi (6/10) in ciascuna delle materie della prova orale e un giudizio di sufficienza nel colloquio nella lingua straniera prescelta. Nel complesso, però, devono raggiungere una votazione complessiva non inferiore a 90 punti tra prova scritta e orale.

 

Quali altri concorsi pubblici si terranno nel 2024? Diverse le possibilità di essere assunti vincendo un concorso pubblico nel 2024. Al momento sono stati banditi il concorso Ufficio del processo per 3.946 posti in tutta Italia, il concorso pubblico per 17 tenenti dell'Arma dei carabinieri, il concorso per 564 posti da funzionari presso l'Agenzia delle Dogane, il concorso per 50 funzionari informatici presso l'Agenzia delle Entrate e il concorso per l'assunzione di 1.887 allievi della polizia di stato.

Leggi di più

(12/06/2024 • 15:04)

Violenza sessuale di gruppo a Milano, il figlio di Lucarelli e un altro calciatore condannati a 3 anni e 7 mesi 

L'accusa Lucarelli e Apolloni sono accusati di aver abusato della giovane dopo una serata trascorsa nel locale "Gattopardo" di via Piero della Francesca a Milano. Secondo la Procura, avrebbero palpeggiato e violentato in gruppo la ragazza approfittando della sua "incapacità psichica" dovuta all'assunzione di alcol, dopo averla portata in casa con la scusa di accompagnarla in auto a casa.

 

L'arresto nel 2023: video e chat su quella notte I due calciatori, difesi dall'avvocato Leonardo Cammarata, sono stati arrestati l'8 febbraio 2023 dopo mesi di indagini della Squadra Mobile in cui sono stati acquisiti i video, trovati nei cellulari dei ragazzi su quella notte, e messi prima ai domiciliari e poi sottoposti all'obbligo di dimora a Livorno, con divieto di uscire di casa di notte. I due hanno sempre negato che si sia trattato di uno stupro di gruppo, ma di un rapporto consensuale.

Leggi di più

(12/06/2024 • 14:53)

Papa Francesco "accorcia" le omelie: "Siano più brevi, non più di 8 minuti" 

 

 

Le omelie secondo Papa Francesco "L'omelia deve aiutare a trasferire la Parola di Dio dal Libro alla vita" ha detto il Pontefice rivolgendosi "ai preti che parlano tanto e non si capisce di cosa parlano: occorre esprimere un pensiero, un sentimento e una cosa pratica" ma con poche parole. Poi, rivolgendosi ai fedeli, Francesco li ha invitati a portare sempre con sè un Vangelo tascabile, "tenetelo in tasca, nella borsa per leggerlo. Questo - ha concluso - vi farà stare vicino allo Spirito Santo".

Il direttorio omiletico 2015 La congregazione per il culto divino ha prodotto nel 2015 un "direttorio omiletico" che però non dà indicazioni di tempo ma si limita a riportare le parole di Papa Francesco nella Evangelii Gaudium: l'omelia è "un genere peculiare, dal momento che si tratta di una predicazione dentro la cornice di una celebrazione liturgica; di conseguenza deve essere breve ed evitare di sembrare una conferenza o una lezione". Negli anni Bergoglio è tornato più volte a raccomandare di non superare gli otto minuti.

Leggi di più

(12/06/2024 • 14:18)

Catania, il parroco con... il pennarello "riscrive" i cartelli stradali: "La gente deve trovare la chiesa" 

 

Come riferisce a La Sicilia padre Cicala stesso, il problema della frazione del Catanese non riguarderebbe solo i cartelli stradali, che il parroco ha provveduto a ripristinare con un metodo fai-da-te. Pennarello nero e l'aiuto di una sedia gli sono stati infatti sufficienti per sistemare quelle scritte ormai cancellate da tempo e incuria.

 

"Non si tratta solo di un problema di decoro pubblico - ha precisato a La Sicilia il prete, - ma anche di sicurezza. Siamo totalmente abbandonati: l'assenza di strisce pedonali davanti alla chiesa e di dissuasori di velocità mette costantemente in pericolo l'incolumità dei pedoni, soprattutto anziani, perché le auto sfrecciano a gran velocità in questa stradina di campagna". E i fedeli plaudono all'opera del loro parroco.

 

 

A raccogliere la denuncia di padre Cicala è stato il presidente del Consiglio comunale Giovanni Barbagallo. "Mi auguro - ha commentato Barbagallo a La Sicilia, - che questo grido d'allarme non cada nel vuoto e che diventi uno stimolo forte, affinché si agisca tempestivamente per la risoluzione dei problemi che affliggono la piccola frazione giarrese, evidentemente dimenticata da tempo. Tutti i cittadini meritano attenzione e rispetto, anche e soprattutto se vivono in zone periferiche".

 

"Nei prossimi giorni – è stata la promessa il presidente del Consiglio comunale, – insieme a una delegazione di consiglieri comunali di Giarre, farò visita alla comunità di Sciara per ascoltare e supportare le legittime istanze dei residenti".

Leggi di più

(12/06/2024 • 14:12)

(12/06/2024 • 14:07)

(12/06/2024 • 14:05)

(12/06/2024 • 13:59)

Omicidio Saman Abbas, la madre dà il consenso all'estradizione 

 

 

L'ipotesi sulla strategia difensiva "C'è qualcosa che non torna nella decisione della madre di Saman Abbas di acconsentire alla sua estradizione in Italia. Cosa è cambiato dopo il suo arresto? Dopo la condanna?", ha detto l'avvocato Riziero Angeletti, legale dell'Ucoii - parte civile nel processo per la morte di Saman. Il legale ipotizza che la decisione della madre della vittima "potrebbe essere una strategia difensiva". "In appello potrebbero chiedere la riapertura della fase dibattimentale, rendere dichiarazioni spontanee, respingere le accuse - afferma Angeletti - perché, invece, non è stato fatto nel corso del processo in primo grado?".

 

 

Leggi di più

(12/06/2024 • 13:49)

(12/06/2024 • 13:45)

(12/06/2024 • 12:59)

Fascicolo sanitario, entro dicembre 2024 prenotazione visite e pagamento ticket 

 

Verso un Fse internazionale Il termine ultimo perché il Fse entri pienamente in vigore è stato fissato dal Pnrr entro giugno 2026. "Il nostro obiettivo è anticipare questa data - ha spiegato il sottosegretario -. Puntiamo a renderlo uno strumento omogeneo sul territorio e anche uno strumento 'interoperabile' a livello internazionale, ovvero collegato e utilizzabile in altri Paesi europei. Ovviamente la privacy dei cittadini è garantita da protocolli di sicurezza in accordo con il Garante della Privacy". Fino a questo momento sono diventate operative solo alcune funzioni ben circoscritte, di tipo prevalentemente amministrativo, ma con differenza tra le varie Regioni. 

 

Il ruolo dei medici di famiglia Fondamentale sarà naturalmente l'impegno dei medici di famiglia, che caricheranno i dati dei pazienti nel Fascicolo in tempo reale. "Abbiamo avviato un'interlocuzione con i medici e i pediatri - ha spiegato il sottosegretario - e ci sarà una formazione ad hoc per la sensibilizzazione degli oltre 50mila medici di base sul territorio nazionale". Il Fse, ha poi sottolineato, "non aggraverà ma rappresenterà una 'sburocratizzazione' del lavoro del medico di base, oggi alle prese con una mole di adempienze cartacee e relative a documentazione che sottraggono tempo al rapporto con i pazienti". 

 

Il logo, la croce e il tricolore Significativo anche il logo presentato. "Si vede una croce che però si degrada in pixel, e poi c'è un tricolore - ha concluso Butti -. La nostra esperienza sarà seguita e l'Italia, su questo fronte, è più avanti di altri Paesi". 

Leggi di più

(12/06/2024 • 12:46)

(12/06/2024 • 10:00)

(12/06/2024 • 09:45)

(12/06/2024 • 09:30)

Donna investita e uccisa in kayak a Napoli, l'avvocato indagato: "Non ho visto la canoa" 

Il soccorso e il racconto del giovane che era insieme all'amica in kayak  Una volta salito sulla barca, un cabinato modello Vega di 18 metri, il 33enne ha raccontato ancora sotto shock quanto avvenuto. L'avvocato e le persone a bordo dell'imbarcazione - come ha spiegato l'indagato alla magistratura della Procura di Napoli - avrebbero quindi appreso solo in un secondo momento il dramma in corso e hanno allertato la Guardia costiera.

 

Da soccorritore a indagato  Prima di iscrivere nel registro degli indagati per omicidio colposo il noto avvocato penalista, gli inquirenti lavoravano per individuare il modello del natante sotto accusa e chi vi potesse essere al timone. Il superstite 33enne, infatti, non era riuscito a vedere chi fosse alla guida della barca che si è scagliata contro il kayak, su cui erano lui e l'amica. La svolta è arrivata grazie alle registrazioni delle telecamere di protezione di Villa Rosebery, la dimora napoletana riservata al presidente della Repubblica. Dalle immagini, gli inquirenti hanno individuato il modello e dopo un'attenta ricerca hanno sequestrato una serie di imbarcazioni, tra cui quella del noto avvocato.

 

Si attende il risultato dell'autopsia In attesa di conoscere i risultati dell'autopsia sul corpo di Cristina Frazzica, proseguono le indagini degli investigatori. L'esito dell'esame autoptico potrà stabilire se la 31enne sia morta sul colpo. In caso contrario, forse un primo soccorso prestato sul momento avrebbe potuto salvare la donna? A questa domanda risponderà la Procura di Napoli, che con le sue indagini lavora per unire i puntini di questo drammatico incidente.

 

Leggi di più

(12/06/2024 • 08:54)

Influencer Siu, possibile svolta: sequestrato oggetto compatibile con la ferita 

 

I sopralluoghi - A quanto si apprende, gli inquirenti potrebbero avere individuato l'oggetto che potrebbe essere quello che ha ferito la donna nell'ultimo controllo nella villetta di Chiavazza (Biella), dove la coppia viveva. Dopo i sopralluoghi della scorsa settimana, infatti, durante i quali l'attenzione degli investigatori si era focalizzata su una forbice o un punteruolo, sarebbe stato sequestrato un attrezzo, che è stato repertato e portato a Torino per essere analizzato dagli uomini della Polizia Scientifica, chiamati a verificare la compatibilità con la ferita. Sarebbe comunque un oggetto appuntito, pare utilizzato per la manicure, ma solo nei prossimi giorni si avranno maggiori informazioni sugli sviluppi d'indagine. A differenza dell'ultimo intervento di fine maggio nella casa della coppia, quando le ricerche si erano concentrate sul secondo piano dell'appartamento, questa volta sono state estese a tutti i locali e al giardino. 

 

 

Il ricovero in ospedale - Siu è ancora ricoverata in condizioni gravi ma non in pericolo di vita. L'influencer 30enne era finita in ospedale a metà maggio con una ferita al petto. Nei giorni scorsi, inizialmente ricoverata in rianimazione all'ospedale Maggiore di Novara, è stata trasferita all'Ospedale degli Infermi di Biella Ponderano. Si sta lentamente riprendendo ma non sarebbe ancora in grado di sostenere un colloquio con gli inquirenti, titolari dell'indagine. La sua versione dei fatti sarà fondamentale per la ricostruzione di quanto accaduto nella villetta di Chiavazza.

 

 

Le ipotesi - Quando la giovane era arrivata al pronto soccorso di Ponderano si era ipotizzato inizialmente un incidente domestico, versione data da suo marito, ma confermata anche da lei. Eppure le indagini della procura hanno preso poi la strada del tentato omicidio ed è stato fermato Jonathan Maldonato, a cui il gip ha imposto il divieto di avvicinamento alla moglie e l'obbligo di firma. Dopo la prima versione dell'incidente domestico, Maldonato, che, scarcerato, ora indossa il braccialetto elettronico, aveva poi sostenuto che la moglie si era ferita da sola. La versione dei fatti della donna sarà fondamentale per la ricostruzione di quanto accaduto.

Leggi di più

(12/06/2024 • 08:31)

Roma, poliziotto salva ex prof che minaccia il suicidio: "L'ho riconosciuta dalla voce" 

 

"Aveva la stessa voce di quando urlava in classe" A "Il Messaggero" Olivetti ha raccontato i momenti cruciali dell'intervento: "La sentivo urlare: adesso mi butto, nessuno vuole aiutare mio figlio (che ha problemi di tossicodipendenza, ndr)... Aveva la stessa voce di quando ci strillava in classe". La donna era chiusa a chiave all'interno del suo appartamento e, mentre i vigili del fuoco cercavano di individuare la finestra dell'appartamento per raggiungerla, l'agente si è fatto riconoscere dalla professoressa.

 

I racconti dei cinque anni insieme a scuola "Fuori dalla porta le ho detto: prof ma sono io, Alessandro, non si ricorda? Apra la porta - racconta Olivetti -. Lei ha visto dall'occhiello e mi ha riconosciuto subito. Mi diceva: ma quanto sei diventato grande, mi dispiace che sei qui. Ma continuava a dirmi che si sarebbe buttata. Io per 20 minuti buoni ho portato avanti la trattativa. Le dicevo di ascoltarmi, e gli menzionavo tutti gli episodi di quando stavamo a scuola. Le ho ricordato di quando ho fatto la maturità che mi aveva chiamato dopo gli orali per dirmi che non era riuscita a farmi mettere 80 per colpa di un'altra professoressa, e ancora del viaggio con la classe a Berlino e la cena di fine anno dopo la quale ci aveva portati tutti a via della Magliana a prendere i cornetti".

 

"Spero che anche mio figlio abbia una professoressa così" Olivetti ha continuato ad attirare l'attenzione della professoressa, fino a quando i vigili del fuoco sono riusciti con una scala ad entrare da una finestra nell'appartamento. "Quando mi ha visto ci siamo abbracciati, piangeva, mi diceva: mi dispiace - prosegue il racconto del poliziotto - . Non me lo sarei mai perdonato se le fosse successo qualcosa perché è vero che sono passati nove anni ma per cinque anni l'ho vista tutti i giorni. Era una professoressa carota e bastone. Dava tanto a chi se lo meritava e quando c'era da bastonare, bastonava. I suoi insegnamenti del diritto per me e per il lavoro che ho scelto sono stati fondamentali. Lei per me è sempre stata punto di riferimento. Mi auguro che mio figlio un giorno abbia una professoressa così severa ma giusta".

Leggi di più

(12/06/2024 • 08:30)

Napoli, ospedale nelle mani del clan Contini: 11 arresti 

 

Gli arresti e il sequestro dei carabinieri eseguiti nell'ambito del blitz anticamorra sono frutto di un'indagine avviata nel dicembre 2021 che ha consentito di disegnare la struttura verticistica del clan Contini, a cui era demandata la gestione e le scelte strategiche ed economiche dell'organizzazione malavitosa.

 

Già nel 2019 il clan Contini era finito al centro di una maxi operazione che coinvolse l'intera Alleanza di Secondigliano, e cioè anche le famiglie Licciardi e Mallardo, durante la quale vennero notificate da carabinieri, polizia, guardia di finanza e Dia ben 126 misure cautelari (89 in carcere e 36 ai domiciliari e un divieto di dimora in Campania) insieme con un sequestro di beni in tutta Italia da 130 milioni di euro.

 

Gli investigatori sono riusciti a delineare anche i rapporti con gli altri clan della galassia criminale partenopea. Il clan aveva anche fittiziamente intestato due società di noleggio auto a dei prestanome appositamente reclutati e pagati per eludere a eventuali provvedimenti di sequestro.

 

L'inchiesta ha infine restituito l'allarmante quadro già emerso nel 2019 in relazione all'ospedale San Giovanni Bosco, dove il clan ancora condizionava la gestione funzionale della struttura ospedaliera che cade nell'area di influenza dell'organizzazione criminale.

Leggi di più

(12/06/2024 • 07:20)

Ultimo aggiornamento: 12/06/2024 &b000000WednesdayWednesday; 16:12