Sei qui: Home » §News siti amici » News TGCOM
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

§News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(25/02/2024 • 00:38)

(25/02/2024 • 00:09)

È morta Bice Gullotta, l'anziana fuggita da una Rsa di Faenza per rivedere il mare 

Le parole del suo avvocato A comunicare la notizia, al Corriere della Sera, il suo legale Giuliano Lelli Mami. L'epilogo era arrivato a luglio, dopo quella che il suo legale, l'avvocato Giuliano Lelli Mami, aveva definito "una corsa a ostacoli". Era arrivata infatti l'autorizzazione del giudice al trasferimento, almeno provvisorio, della signora a Roma. "La signora Bice era ricoverata in ospedale a Roma ed è morta per un infarto. In seguito dell'esito positivo della "prova" aveva raggiunto l'accordo con cui aveva effettuato il definitivo trasferimento nella nuova sistemazione abitativa, un piccolo appartamento a Roma dove aveva spostato la propria residenza" afferma l'avvocato. "Io stavo iniziando la redazione degli Atti per la definizione della pratica al tribunale di Ravenna e la conseguente instaurazione della pratica al tribunale di Roma dove Bice - aggiunge il legale - avrebbe chiesto all'autorità giudiziaria di disporre una eventuale consulenza d'ufficio medico-psichiatrica per revocare l'amministratore di sostegno. In seguito di tutte queste novità la signora Bice aveva ribadito la propria gioia di vivere. Conservo con affetto il ricordo dell'ultima volta in cui l'ho vista quando dopo avermi abbracciato mi ha detto, commossa, la seguente frase: 'Sono Felice. Tu sei mio Figlio. Ti voglio bene'". 

 

La fuga dalla Rsa pochi mesi fa Nell'aprile 2023, la donna aveva preso un treno in direzione Romagna ed era scesa in Riviera per andare a bussare all'Hotel Flora in cui era solita soggiornare nei suoi periodi di vacanza. Un piano ben congegnato dall'anziana, che per anni aveva lavorato come direttrice di un ufficio postale. Era stata riconosciuta dai titolari della struttura, ora chiusa, dispiaciuti di non averla potuta ospitare.

Dopo essersi rifocillata in un bar, non potendo soggiornare nell'albergo, l'81enne si era rivolta alla vicina parrocchia e aveva raccontato il suo malessere, per la permanenza nella casa di riposo, a partire dai pasti con "minestrine annacquate, mele cotte e prosciutto di cent'anni fa" per arrivare agli altri ospiti che di notte "gridano invocando la madre o gli angeli". Ma l'arrivo dei carabinieri aveva messo fine all'evasione della signora Bice.

Leggi di più

(24/02/2024 • 22:10)

Ucciso dopo una lite ad Agrigento, tre persone fermate 

In seguito agli interrogatori degli agenti della Squadra mobile di Agrigento sono stati disposti tre fermi e sono stati sentiti tutti i presenti nel piazzale dove è avvenuta la sparatoria.

Leggi di più

(24/02/2024 • 21:45)

(24/02/2024 • 20:44)

Milano, 15mila manifestanti al corteo per la Palestina: ferita un'agente 

 

 

Attimi di tensione Altre due auto della Guardia di finanza sono state danneggiate nello stesso frangente. Altri attimi di tensione in piazza della Repubblica dove un gruppo di attivisti, sempre a volto coperto, ha cercato di imboccare via Turati per raggiungere il consolato degli Stati Uniti. I manifestanti hanno poi lanciato oggetti e anche due ordigni incendiari, che non si sono accesi, contro gli agenti in tenuta antisommossa che hanno impedito l'accesso e li hanno fatti indietreggiare.

 

 

Il corteo e i cartelli contro Meloni, Salvini e Netanyahu Al di là dei due episodi di tensione il corteo, monitorato da polizia, carabinieri e polizia locale, è giunto a destinazione in largo Cairoli poco dopo le 17. Tra i cartelli esposti anche alcune sagome "insanguinate" di politici, tra cui Giorgia Meloni, il ministro Matteo Salvini, il premier israeliano Benyamin Netanyahu e i ministri Guido Crosetto e Giuseppe Valditara. C'è stato anche chi ha appeso allo zaino un avviso alle forze dell'ordine, dopo ciò che è accaduto venerdì a Pisa: "Per ogni manifestante picchiato, risponderemo tutti assieme e tu poliziotto violento verrai identificato come schiavo dello Stato".

 

"Stop al genocidio" e bandiere di Israele bruciate Presente alla manifestazione, a pochi passi da piazzale Loreto, anche l'ex deputato 5 Stelle Alessandro Di Battista. Bandiere di Israele bruciate, fischi alla vista di quella che sventola davanti al Pirellone, sede del Consiglio regionale, ma soprattutto inviti a "fermare il genocidio" sono stati il leitmotiv del corteo milanese.

 

 

Da Trieste e Torino a Roma: manifestazioni anche in altre città Altre manifestazioni si sono svolte anche in altre città. In Friuli-Venezia Giulia gli attivisti sono scesi in piazza sia a Trieste che a Udine, a Roma è andato in scena un flashmob in piazza del Campidoglio a cui ha partecipato anche il segretario della Cgil nazionale Maurizio Landini. Qui diverse associazioni tra cui Anpi, Acli e studenti hanno sventolato una grande bandiera della pace, mentre a Torino gli studenti del Collettivo di Giurisprudenza hanno fatto sapere di aver presentato un esposto alla Corte penale internazionale dell'Aja "per capire se Netanyahu è solo un premier incapace di difendere il proprio popolo o meriti di essere incriminato per aver deliberatamente ignorato i segnali di pericolo relativi al 7 ottobre".

Leggi di più

(24/02/2024 • 20:31)

(24/02/2024 • 19:56)

(24/02/2024 • 16:29)

Cariche ai cortei pro-Palestina, Mattarella a Piantedosi: "L'autorevolezza non si misura sui manganelli" 

 

Il capo della polizia: "Verifiche sugli agenti di Pisa e Firenze" "Purtroppo durante i servizi di ordine pubblico a Firenze e a Pisa i nostri operatori hanno posto in essere iniziative che dovranno essere analizzate singolarmente e verificate con severità e trasparenza", ha dichiarato il capo della polizia, Vittorio Pisani.

 

Pisani: "Sull'ordine pubblico non decide la politica" "Le decisioni che vengono adottate in sede locale sui servizi di ordine pubblico non sono determinate da scelte politiche", ha aggiunto Pisani. La polizia di Stato "è la polizia di un Paese democratico e noi abbiamo il dovere di garantire innanzitutto la manifestazione del dissenso".

 

"Nessuna manifestazione è stata vietata in Italia" Il capo della polizia ha poi sottolineato come il conflitto israelo-palestinese abbia inciso sulla gestione dell'ordine pubblico "in termini di intensità per l'impiego del personale delle forze di polizia. Non in tutti i Paesi europei le manifestazioni vengono autorizzate, mentre in Italia nessuna manifestazione è stata mai vietata, neanche quelle più radicali ed estreme. Le motivazioni ideologiche o politiche dei manifestanti vengono trattate dalla polizia sempre con la massima neutralità".

 

Fonti Pd: "La Lega vuole togliere la scorta anche a Mattarella?" Dopo la telefonata tra il capo dello Stato e il ministro sono intervenute fonti del Pd, che hanno affermato: "La Lega ha detto che a Elly Schlein andrebbe tolta la scorta perché ha difeso gli studenti. Ora che anche Mattarella ha parlato, la vuole togliere anche al Presidente della Repubblica?". Il deputato toscano del Carroccio, Edoardo Ziello, aveva infatti detto alla segretaria del Pd di "rinunciare alla scorta" vista la sua "repulsione per le forze dell'ordine". 

 

Tajani: "Le forze dell'ordine non si toccano" Sulla vicenda è intervenuto anche il vicepremier Antonio Tajani, che ha dichiarato: "Se ci sono responsabilità per quello che è accaduto il ministro valuterà e prenderà provvedimenti, ma la responsabilità è personale e io dico che le forze dell'ordine non si toccano. Sono persone che difendono lo Stato con stipendi bassi, non sono figli di radical chic". 

 

FdI: la causa dei disordini è la sinistra In una nota Fratelli d'Italia scrive: "FdI difende le regole democratiche di convivenza che si basano sul diritto di manifestare e il dovere di farlo pacificamente e nel rispetto della legge. La sinistra che spalleggia i violenti è la causa dei disordini ai quali abbiamo assistito". 

 

Bonelli: "Bene Mattarella, Meloni tace" Apprezzamento per le parole di Mattarella da Verdi e Sinistra, con il deputato Angelo Bonelli che commenta: "Bene il richiamo del Presidente a Piantedosi: di fronte agli studenti, minorenni, la polizia avrebbe il dovere di riporre i manganelli e usare il dialogo. Spiace constatare che di fronte alle drammatiche immagini di violenza Giorgia Meloni stia ancora in silenzio e non abbia condannato la violenza. Torniamo a chiedere al ministro la rimozione del questore di Pisa". 

 

Leggi di più

(24/02/2024 • 15:11)

Milano, una 20enne statunitense violentata nel parcheggio vicino a una discoteca: arrestato l'aggressore 

 

La violenza dopo la serata in discoteca Secondo le ricostruzioni degli investigatori, la giovane e il suo aggressore si erano conosciuti nella serata all'interno della discoteca Alcatraz e avevano bevuto qualche drink insieme. Una volto usciti dal locale, c'è stato l'abuso nel parcheggio del vicino supermercato.

 

Le urla e l'intervento della sicurezza La vittima è però riuscita a richiamare l'attenzione urlando: alcuni passanti l'hanno sentito e hanno subito avvertito il personale di sicurezza che ha bloccato il giovane. L'uomo risulta incensurato e il suo arresto dovrà ora essere convalidato dal gip. La ragazza è stata portata alla clinica Mangiagalli, dove sono stati riscontrati gli abusi. 

 

Leggi di più

(24/02/2024 • 14:28)

(24/02/2024 • 13:40)

(24/02/2024 • 13:25)

(24/02/2024 • 13:22)

(24/02/2024 • 13:20)

(24/02/2024 • 13:16)

Agrigento, 38enne ucciso dopo una rissa nel piazzale di una concessionaria: tre fermi 

Vi sarebbero state, durante gli interrogatori fatti in questura, con il procuratore Giovanni Di Leo, anche delle persone che, assistite dai propri legali di fiducia, si sarebbero avvalse della facoltà di non rispondere. Altre invece avrebbero rilasciato dichiarazioni spontanee. La pistola che ha ucciso Di Falco non è stata ancora ritrovata.

 

Secondo le indagini, Di Falco sarebbe stato colpito da uno sparo durante una colluttazione nel piazzale della concessionaria di auto. La lite, sfociata in una rissa, avrebbe avuto origine dalla compravendita di più auto fra il titolare della concessionaria e e il 38enne di Palma, anch'egli commerciante di auto usate.

Leggi di più

(24/02/2024 • 12:37)

Bressanone, il 73enne morto per ipotermia era stato morso da una volpe 

 

Morto per ipotermia Le ferite causate sul suo corpo - era stato evidenziato durante l'autopsia - sono piuttosto superficiali e, pur avendo causato una certa perdita ematica per lesione di vasi periferici, non appaiono compatibili con la produzione di uno shock emorragico. Le lesioni non interessavano strutture vascolari/nervose di significativa importanza vitale. Secondo il medico legale, il decesso è riconducibile a uno stato di ipotermia, vista anche temperatura corporea rilevata dai soccorritori al momento del rinvenimento di appena 22 gradi.

Leggi di più

(24/02/2024 • 11:27)

(24/02/2024 • 10:16)

(24/02/2024 • 09:39)

(24/02/2024 • 08:21)

Ultimo aggiornamento: 25/02/2024 &b000000SundaySunday; 03:21