Continuando a navigare su questo sito, accetti l'uso dei cookie per fornirti contenuti e servizi appropriati.
Note legali .
    Stampa la pagina ...
Sei qui: Home » News siti amici » News TGCOM

News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(26/02/2021 • 01:40)

L'Italia sempre più rossa e arancione scuro | Ecco le città che cambiano colore già da sabato 

Da mercoledì è rossa Cecina, nel Livornese, così come da alcuni giorni quattro Comuni nel Lazio: Colleferro, Carpineto Romano in provincia di Roma, Torrice (Frosinone), Roccagorga (Latina). In Alto Adige è stata superata la soglia critica per le terapie intensive a Bolzano e a Trento. In Basilicata sono in aumento i casi e l'Rt, la Regione rischia di finire arancione.

 

 

 

Dilagano le varianti In Sardegna è zona rossa a San Teodoro. In Molise si registra un balzo di positivi: c'è stato un sopralluogo di militari per allestire terapie intensive di emergenza. In Piemonte l'Rt è sopra 1, la Regione va verso l'arancione e l'inasprimento delle misure. A Pescara dilaga la variante inglese con picco di contagi.

 

 

Ordinanze ministero in vigore da lunedì e non la domenica Le ordinanze del ministro della Sanità sui colori dei territori, in seguito al monitoraggio del venerdì, d'ora in poi entreranno in vigore il lunedì e non la domenica: lo promette il ministro delle Autonomie Mariastella Gelmini in un vertice con gli Enti locali. Questo per evitare il caos, e le perdite economiche,  di ristoranti e bar aperti un giorno su due nel weekend (che costituisce l'80% del fatturato settimanale secondo Coldiretti).

 

Nella riunione Gelmini e il ministro della Salute Roberto Speranza hanno assicurato un'altra novità: la bozza del nuovo Decreto del presidente del Consiglio, in vigore dal 6 marzo, sarà inviata già ai presidenti di Regione, dunque in notevole anticipo sulla scadenza di quello attuale. Un gesto di apertura alle Regioni, che hanno chiesto a più riprese di evitare decisioni all'ultimo minuto come successo per  lo sci, con impianti pronti a riaprire e fermati la sera prima.

 

Il sistema delle fasce sarà "mantenuto - dice la Gelmini -. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato e questo deve essere l'obiettivo principale anche per i prossimi mesi". Anche perché, pur prevedendo delle modifiche ai parametri, come chiesto dalle Regioni specie per l'Rt, "un modello alternativo ad oggi non c'è". Rinviando al Comitato tecnico scientifico (Cts) il tema spinoso della chiusura delle scuole per vaccinare i docenti - come chiedono quasi tutte le Regioni -, il ministro nota una "contraddizione nella richiesta di scuole chiuse e attività economiche aperte". Gelmini parla quindi di "una graduale riapertura dei luoghi di cultura, con misure di sicurezza adeguate, superato il mese di marzo".

(25/02/2021 • 22:05)

(25/02/2021 • 20:15)

(25/02/2021 • 19:31)

(25/02/2021 • 19:09)

Milano, accumulatore seriale vive da 8 anni tra oggetti e sporcizia: “Aiutatemi” 

"Sono depresso, ma voglio cambiare". È la richiesta di aiuto di Luigi, accumulatore seriale di Abbiategrasso (MI) che da 8 anni vive tra oggetti e sporcizia. A "Pomeriggio Cinque", il 54enne parla della depressione iniziata quando è stato lasciato dalla moglie. Un dolore grande che non è riuscito a superare e che l'ha portato a chiudersi nel suo appartamento di 40 metri quadri accumulando oggetti e rifiuti di ogni genere. 

La segnalazione alla redazione di Barbara d'Urso arriva dalla figlia di Luigi che chiede una mano per convincere il padre a farsi aiutare. Ma all'arrivo della troupe di Canale 5, il 54enne si mostra emozionato e propenso a farsi aiutare a ripulire casa e a iniziare un percorso di vita differente. "Voglio essere aiutato perché non va bene continuare a vivere così", promette l'uomo alla conduttrice. 

(25/02/2021 • 18:49)

Coronavirus, in Italia 19.886 nuovi casi su 353mila tamponi e altri 308 morti 

 

 

I numeri della pandemia Nelle ultime 24 ore si è registrato un balzo di nuovi casi, dai 16.424 di mercoledì ai quasi 20mila di oggi (19.886). Le terapie intensive salgono a quota 2.168 in tutta Italia (+11 rispetto a ieri), mentre negli altri reparti Covid sono ricoverati 18.257 pazienti (+40). Gli attualmente positivi in Italia sono 396.143 (+6.710), mentre i guariti nelle ultime 24 ore sono stati 12.853. 

 

La Lombardia supera 4.000 casi, quasi 1.000 a Brescia Continua a essere preoccupante la situazione a Brescia dove i nuovi contagi sono in crescita dai 901 di ieri ai 973 di oggi. Ma i dati del contagio continuano a peggiorare in tutta la Lombardia con il tasso di positività in crescita all'8,2% (ieri 6,5). Con 51.473 tamponi effettuati, sono infatti 4.243 i nuovi positivi in Regione con la città metropolitana di Milano che torna a essere la più colpita con 1.072 casi di cui 409 a Milano città. Aumentano i ricoveri in terapia intensiva (+1, 407) e negli altri reparti (+78, 4.024). I decessi sono 44 per totale complessivo di 28.228 morti in Regione.

 

(25/02/2021 • 18:02)

(25/02/2021 • 17:16)

Coronavirus, la situazione dei contagi in Italia: la mappa e i grafici interattivi 

Tutti i numeri del contagio

 

La situazione in Italia, regione per regione

 

Rapporto tra persone sottoposte a tampone e contagi rilevati

 

La pressione sulle terapie intensive (dati in %)

 

Deceduti e terapie intensive, la variazione nelle 24 ore

 

Contagi, guarigioni e decessi: l'andamento giorno per giorno

 

Nuovi contagi, attualmente positivi, guarigioni e decessi

 

La situazione nelle Regioni più colpite

 

 

Se non visualizzi i grafici clicca qui

 

 

(25/02/2021 • 17:00)

Genova, 96enne muore e lascia in beneficenza 25 milioni di euro 

L'eredità Oltre alla beneficenza, nell'eredità sono inclusi la nipote (figlia del fratello), alcuni amici, il curatore testamentario che dopo 30 anni ancora le dava del lei ed è rimasto piuttosto stupito dal lascito. La donna non ha dimenticato la badante cui va qualcosa come 3,7 milioni di euro.

 

Nel testamento alla nipote lascia tra l'altro i documenti della "nobile famiglia Contarini da cui discendiamo". La quantificazione dei beni non è ancora conclusa e c'è grande riserbo. Chi la conosceva ne ricorda l'estrema riservatezza e ritrosia ad apparire, in particolare in atti di beneficenza "da fare e di cui non parlare".

 

Il saluto nel necrologio scritto prima di morire Lontana dai giri mondani, molto religiosa, non si era mai sposata e anche per l'età viveva da ultimo piuttosto ritirata. E' morta arrivando molto lucida fin quasi agli ultimi giorni, raccontano. Aveva scritto da sé il proprio necrologio lasciandolo in busta chiusa, con degli ultimi saluti pieni di affetto e gratitudine per molti. Si concludeva, come detto, con "un ricordo commosso alla lunga schiera degli ex allievi", la ragione di gioia di una vita. Il testamento olografo era invece pronto dal 2012.

 

 

Milioni di euro donati a enti e ospedali Per lei dunque parla il testamento. Ben cinque su otto dei beneficiari dell'eredità Cavanna, si parla di circa 25 milioni di euro complessivi, sono istituzioni, associazioni o onlus. Andranno dunque circa 5 milioni di euro di beni mobili al Galliera, assieme ai ricavi della vendita al miglior offerente del prestigioso edificio in via Giordano Bruno a Genova, situato in una spettacolare posizione a due passi dal mare, dove Marisa abitava. Si stima possa valere altri 3 milioni di euro o più.

 

Tutti gli arredi vengono invece lasciati al Don Orione di Genova, che riceve un altro ottavo del patrimonio Cavanna in titoli e contanti (per 5 milioni circa). Altri 5 milioni vanno all'ospedale pediatrico Gaslini di Genova e 5 ancora all'Associazione italiana per la ricerca sul Cancro. Quasi altri 4 milioni (12/13) sono poi ripartiti tra: Amnesty International, Amici senza frontiere, Save the Children, Fondazione Don Carlo Gnocchi, Associazione italiana Amici di Roul Follereau, Lega del Filo d'oro, Suore missionarie della carità opera Madre Teresa di Calcutta, Piccole suore dei poveri, Fondazione Opera S. Francesco dei Poveri, Associazioni Missioni Don Bosco e Opera d'Assistenza "Progetto sorriso nel mondo".

 

Le raccomandazioni Al Gaslini e al Galliera la Cavanna ha chiesto di utilizzare il lascito non per la normale amministrazione e manutenzione dell'ospedale, bensì per la ricerca e l'acquisto di apparecchiature "necessarie per più opportune cure degli ammalati". Al Galliera, cui come detto andrà il ricavato della vendita della casa, chiede in particolare chiede di "privilegiare la divisione di Cardiologia per continuare la tradizione della mia famiglia".

(25/02/2021 • 16:43)

(25/02/2021 • 16:40)

(25/02/2021 • 16:20)

(25/02/2021 • 16:16)

(25/02/2021 • 16:15)

(25/02/2021 • 16:14)

(25/02/2021 • 16:05)

(25/02/2021 • 15:40)

Procreazione assistita, sì a impianto embrione anche contro la volontà dell'ex marito 

L'ordinanza favorevole alla richiesta della donna "adottata dal Tribunale monocratico - sottolinea Baldini - è stata poi confermata dal Tribunale in composizione collegiale questo mese. Si tratta di due pronunce destinate a far molto discutere perché riconoscono il diritto assoluto della donna di utilizzare gli embrioni creati con il coniuge e poi congelati anche dopo la pronuncia della separazione e nonostante la contrarietà dell'ex marito".

 

Il Tribunale, chiarisce il legale della donna, "ci ha dato ragione riconoscendo il diritto a procedere anche contro la volonta' dell'ex coniuge". "Nel nostro Paese - ricorda Baldini - il numero delle separazioni è in crescita, con circa 4 coppie su 10 che si separano entro i primi 5 anni. In aumento anche le richieste di Procreazione medicalmente assistita: oltre il 20% delle coppie presenta infatti problemi di infertilità". 

(25/02/2021 • 15:18)

(25/02/2021 • 14:50)

(25/02/2021 • 13:43)

26/02/2021 &b000000FridayFriday; 04:55